S.Agostino/1 “Nuova vita per le biblioteche storiche”

Giovanni Solimine: “Apprezzabile il progetto della Fondazione che ha deciso di investire su due importanti biblioteche cittadine”Leggi altro ›

In realtà come quella di Modena dove esiste un tessuto bibliotecario forte, si può puntare sulle biblioteche per potenziare gli strumenti di accesso alla conoscenza. In questo senso mi sembra apprezzabile il progetto della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena che ha deciso di investire su due importanti biblioteche cittadine, l’Estense e la Poletti. Due biblioteche che, ciascuna per proprio conto, hanno un legame molto forte con la vita della città“. Il giudizio è di Giovanni Solimine, docente di biblioteconomia alla Sapienza di Roma, che nei giorni scorsi ha presentato a Modena il suo ultimo libro, “Senza Sapere. Il costo dell’ignoranza in Italia”.

“Il progetto che prevede il trasferimento dell’Estense e della Poletti al Sant’Agostino – aggiunge Solimine – è un progetto che potenzia di molto i servizi di queste due biblioteche. Una volta trasferite in una nuova sede più accogliente ma anche più aperta, nella quale potranno lavorare assieme ad altre istituzioni formative ed espositive, queste due biblioteche potranno vivere una nuova vita”.

Intervista Giovanni Solimine daFondazione CR Modena on Vimeo.

Effettivamente il trasferimento delle due biblioteche dal Palazzo dei Musei al futuro Polo Culturale darà soluzione ai punti di debolezza delle attuali biblioteche (limitatezza degli spazi, articolazione non ottimale dei servizi, dislocazioni non funzionali dei depositi, …), dando vita a istituzioni moderne negli allestimenti, nelle dotazioni, nelle modalità di accesso al patrimonio librario, nella contiguità dei servizi collaterali, nella stretta collaborazione con altri istituti culturali.

Giovanni Solimine dirige la Scuola di specializzazione in beni archivistici e librari della Sapienza di Roma ed è Senior Research Fellow della Scuola superiore di studi avanzati. Si occupa di progettazione e gestione di servizi bibliotecari, di biblioteche digitali, di cultura editoriale e promozione della lettura, di information literacy. Ha presieduto l’Associazione Italiana Biblioteche ed è attualmente presidente del Forum del Libro. Di recente è stato chiamato dal ministro Franceschini a far parte del comitato tecnico-scientifico per i beni librari e gli istituti culturali.