Centro Grandi Strumenti, 40 anni di ricerca avanzata

Nell’arco di 12 anni la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena ha finanziato realizzazioni per oltre 3 milioni di euroLeggi altro ›

Al via il nuovo laboratorio di microscopia elettronica a scansione del Centro Interdipartimentale Grandi Strumenti dell’Università (C.I.G.S.). E’ uno dei 22 laboratori scientifici collocati all’interno dell’area del campus di via Campi: una vasta gamma di strumenti di analisi per applicazioni interdisciplinari dalle scienze chimiche a quelle medico-chirurgiche che fanno del C.I.G.S. una delle strutture più avanzate in Italia.

Un ricercatore del Centro Grandi Strumenti dell'Università. In alto una veduta del Centro

Un ricercatore del Centro Grandi Strumenti dell’Università. In alto una veduta del Centro

“Il Centro Interdipartimentale Grandi Strumenti – spiega il Rettore Angelo Andrisanoè attualmente una delle più importanti e imponenti strutture di ricerca a Modena e rappresenta uno dei punti di eccellenza del nostro Ateneo. Il valore raggiunto dal Centro è enorme e di questo dobbiamo essere grati alla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, che si è sempre dimostrata sensibile verso l’esigenza di aggiornare e potenziare costantemente le strumentazioni presenti”.

All’ammodernamento delle risorse strumentali, che vanno dalla microscopia elettronica alla risonanza magnetica, dalla spettroscopia infrarossa e raman, alla microscopia ottica e confocale, fino alla spettrometria di massa e diffrazione a raggi X, ha contribuito in modo determinante la  Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. Nell’arco di 12 anni la Fondazione ha finanziato realizzazioni per oltre 3 milioni di euro. Di questi, un milione 770 mila euro sono andati alla realizzazione del laboratorio interdisciplinare di spettrometria di massa organica e inorganica. Tra breve il laboratorio si arricchirà di un nuovo sistema di risonanza magnetica nucleare, anche questo finanziato dalla Fondazione.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Modena sostiene da anni l’attività di ricerca del Centro Interdipartimentale Grandi Strumenti dell’Università – spiega il presidente della Fondazione Andrea Landi -  E’ di pochi mesi fa il finanziamento per l’acquisizione di un sistema di risonanza magnetica nucleare che, assieme agli altri strumenti già in dotazione, fa del Centro un punto di riferimento importante sia per gli enti di ricerca che per le realtà produttive nazionali e internazionali. Poter contare su attrezzature scientifiche all’avanguardia – in un contesto di collaborazione tra diverse discipline – è oggi condizione fondamentale per poter competere sul piano della ricerca e, di conseguenza, dare risposta alle esigenze di innovazione che vengono dal territorio”.

Il Rettore Andrisano e il presidente Landi inaugurano il nuovo laboratorio di microscopia

In occasione dei 40 anni di attività il C.I.G.S. organizza questo mese quattro workshop dedicati all’illustrazione delle tecniche analitiche. Il primo seminario, dedicato alla microscopia elettronica a scansione, è in programma giovedì 9 ottobre; l’appuntamento di giovedì 16 riguarderà la risonanza magnetica nucleare; giovedì 23 si terrà un seminario sulla spettrometria di massa inorganica; l’ultimo incontro di giovedì 30 verterà sulla spettrometria di massa organica. La partecipazione è gratuita.