Bilanci

IL BILANCIO 2018

Nel 2018 la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena ha deliberato erogazioni per 25 milioni 710 mila euro, con un incremento del 5,3 per cento rispetto al 2017. Se si considerano gli stanziamenti riferiti al triennio 2018-2020 per il progetto Ago (5 milioni 390 mila euro) il totale delle erogazioni sale a oltre 31 milioni di euro. Di questi, 4 milioni e mezzo vanno a finanziare progetti partecipati dal sistema-Fondazioni a livello nazionale e regionale per interventi di contrasto della povertà educativa giovanile e per il sostegno delle aree svantaggiate.

E’ quanto emerge dal Bilancio Consuntivo 2018 approvato dal Consiglio di Indirizzo della Fondazione. Il documento certifica un patrimonio dell’Ente di poco inferiore al miliardo di euro – sostanzialmente in linea con quello del 2017 – e un avanzo d’esercizio di 29 milioni di euro (erano 13 milioni nel 2017). Le risorse accantonate per l’attività istituzionale ammontano complessivamente a circa 87 milioni di euro, così suddivise: 40 milioni di Fondi per erogazioni, 34 milioni 400 mila euro nel Fondo dedicato al progetto AGO, 7 milioni e mezzo per il Fondo stabilizzazione erogazioni, 5 milioni per il Fondo progetti strategici. Le risorse stanziate per l’esercizio 2019 vengono incrementate da 19 a 19 milioni 500 mila euro, mentre il Fondo Progetti Strategici passa da 3 a 5 milioni di euro. 

Oltre 12 milioni 200 mila euro vanno a finanziare i settori di maggiore rilevanza sociale: giovani, sistema della formazione, miglioramento del sistema educativo, azioni di contrasto delle vulnerabilità sociali (In quest’ambito rientrano anche le risorse destinate a progetti di livello nazionale). Il volume complessivo delle erogazioni per questo settore è simile a quello del 2017. 

Al settore arte, attività e beni culturali vengono destinati 8 milioni di euro, in linea con l’anno precedente. A questi vanno aggiunti gli oltre 5 milioni del progetto Ago Modena Fabbriche Culturali, per un totale di 13 milioni 386 mila euro. In crescita i contributi a favore della ricerca scientifica e tecnologica che passano dai 3 milioni 786 mila euro del 2017 ai 5 milioni 430 mila euro del 2018 (34 progetti).

Scarica il Bilancio di Missione 2018

Scarica la Relazione economico-finanziaria

Scarica la relazione della Società di Revisione

Scarica la relazione del Collegio dei Revisori

Sfoglia il bilancio 2017

Scarica il bilancio 2016
Scarica il Bilancio 2015
Scarica il Bilancio 2014
Scarica il Bilancio 2013
Scarica il Bilancio 2012
Scarica il Bilancio 2011

Il Bilancio di mandato 2011-2015

Nel periodo 2011-2015 la Fondazione ha erogato risorse complessive per 121 milioni di euro a sostegno di oltre 1700 progetti, cui si aggiungono i fondi accantonati per la realizzazione del progetto S.Agostino. La metà delle risorse (oltre 61 milioni di euro) è stata indirizzata a favore di iniziative di rilevanza sociale, a contrastare gli effetti della crisi economica e delle situazioni di emergenza. Circa 40 milioni di euro sono andati alla cultura e ai beni culturali. Poco meno di 20 milioni alla ricerca scientifica e tecnologica. L’entità delle erogazioni colloca la Fondazione di Modena nel gruppo delle Fondazioni di origine bancaria che hanno la maggiore incidenza sul territorio.

 

2011/2015
importo deliberato n. progetti
Arte,   attività e beni culturali

39.575.988

466

Ricerca   scientifica e tecnologica

19.968.532

158

Area   di Rilevante valore sociale

61.702.990

1.128

121.247.510

1.752

 

*L’ammontare deliberato del 2015 è conteggiato al 30 settembre.

 

Gli anni del mandato sono stati caratterizzati dall’aggravarsi della crisi economica e finanziaria che ha colpito anche le aree produttive più avanzate e competitive come le nostre. Le statistiche indicano una riduzione dei redditi pro-capite e un aumento delle aree di povertà assoluta e relativa. E’ cresciuta inoltre l’area di marginalità in fasce della popolazione che vedono ridursi le prospettive di un inserimento stabile nel mercato del lavoro e nella società.

In questo contesto l’attività della Fondazione ha dovuto confrontarsi, da un lato, con le difficoltà della situazione finanziaria che ha reso molto più complessa la gestione del patrimonio e, dall’altro, con una crescente domanda di sostegno al welfare locale. Sul versante del patrimonio, la Fondazione è riuscita a contenere l’impatto negativo della crisi finanziaria che ha colpito tutti i principali mercati dei titoli obbligazionari e azionari. Una gestione improntata a investimenti finanziari a medio lungo termine con un buona redditività ha consentito di stabilizzare su livelli elevati i proventi finanziari e quindi il flusso di risorse reso disponibile per le comunità di riferimento. Nel periodo la redditività del portafoglio finanziario è stata pari al 4.8% annuo, un valore di gran lunga superiore al tasso di inflazione e agli indici finanziari di mercato. Sul fronte sociale la risposta della Fondazione si è manifestata attraverso un’accentuazione degli interventi a contrasto delle situazioni di vulnerabilità che riguardano le famiglie numerose e a basso reddito, gli anziani a rischio di non autosufficienza e i giovani con difficoltà ad accedere al mercato del lavoro.

Le difficoltà collegate alla crisi economica sono state aggravate dal terremoto del maggio 2012 e dalle inondazioni che hanno colpito vaste aree della nostra provincia. La Fondazione si è mobilitata prontamente mettendo in campo un rilevante impegno finanziario e svolgendo un ruolo di coordinamento tra le altre fondazioni. All’indomani del terremoto sono stati raccolti 24 milioni di euro e avviati 41 progetti nei territori delle quattro province colpite: Modena (18 interventi); Ferrara (9 interventi); Reggio Emilia (10 interventi); Bologna (4 interventi). Un quarto delle risorse (6 milioni di euro) è stato messo a disposizione dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena; 12 milioni sono stati raccolti dalle altre 8 fondazioni dei territori colpiti; altri 6 milioni sono arrivati dalle fondazioni nazionali.

Agli interventi per il terremoto vanno aggiunti quelli destinati alle popolazioni colpite dall’alluvione del gennaio 2014. La Fondazione ha stanziato un fondo di 500 mila euro, gestito in stretta collaborazione con il Comune di Bomporto, destinato al risarcimento delle spese di utenze straordinarie sostenute dalle famiglie alluvionate nei giorni dell’emergenza. Il dialogo che ha sempre caratterizzato i rapporti tra la Fondazione e le istituzioni ha facilitato e valorizzato il nostro apporto, così come determinante è risultato il legame con il mondo del volontariato, che ha dimostrato di essere, anche in questa occasione, una risorsa imprescindibile per la coesione sociale.

Scarica il Bilancio di mandato 2011-2015