Terre di uomini, 27 artisti raccontano il paesaggio

Il percorso comprende oltre 70 opere provenienti dalla collezione fotografica della Fondazione CrmoLeggi altro ›

La relazione tra l’uomo ed il paesaggio, l’influenza che l’uno esercita sull’altro e le implicazioni di tale relazione nello scatto fotografico sono al centro della mostra Terre di Uomini, in corso a Biella, a Palazzo Gromo Losa, Biella, fino al 7 gennaio 2018.

Curato da Chiara Dall’Olio, il progetto espositivo comprende oltre 70 opere di 27 artisti, tutte provenienti dalla collezione di fotografia contemporanea della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, ed è l’esito di una collaborazione tra Fondazione Fotografia Modena e Palazzo Gromo Losa srl, rispettive società strumentali di Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e di Fondazione Cassa di Risparmio di Biella.

Le collezione di fotografia della Fondazione Cassa di risparmio di Modena si articola in una serie di sezioni definite in base alla provenienza geografica degli autori. Proprio questa sua caratteristica originale e pressoché unica nel panorama del collezionismo fotografico italiano consente di confrontare visioni del paesaggio differenti. Terre di Uomini prende in esame in particolare quella americana, quella africana e quella italiana.

Si osservano i ritratti della periferia americana di Stephen Shore e John Gossage, le visioni poetiche di Minor White e Paul Caponigro, passando poi per il continente africano, rappresentato dalle fotografie di David Goldblatt, Guy Tillim, Daniel Naudé, Cedric Nunn, George Osodi, Philip Kwame Apagya, Yto Barrada. Ampio spazio è infine dedicato alla tradizione paesaggistica italiana, una rivoluzione dello sguardo firmata, tra gli altri, da Gabriele Basilico, Luigi Ghirri, Guido Guidi, Walter Niedermayr.

Terre di Uomini
Adams, Shore, Goldblatt, Ghirri, Basilico, Jodice
e altri 21 grandi fotografi raccontano il paesaggio 
27 ottobre 2017 – 7 gennaio 2018

Palazzo Gromo Losa
Corso del Piazzo, 22/24 – Biella

Scopri di più sulla mostra